Costruire una comunicazione integrata che faccia del tartufo uno dei grandi attrattori turistici del nostro Paese. A questo mira “Italia del Tartufo”, un progetto multimediale e su più livelli presentato venerdì 17 marzo a Napoli, nel corso della Borsa mediterranea del turismo, nell’ambito della programmazione del Forum Turismo e Destinazioni organizzato dalla Rete Destinazione Sud, patrocinato dalla Provincia di Avellino e dalla Regione Campania.

Il progetto ha previsto la realizzazione della mappa MapMagazine Tartufo 2023in collaborazione con ACI–Automobile Club d’Italia, già in vendita in libreria, in edicola e sutypimediashop.it. Seguiranno presto la pubblicazione di una guida e lo sviluppo di un percorso online e offline per raccontare mese per mese tutti gli eventi, tutte le attività dal punto di vista economico, sociale e culturale che ruotano attorno al tartufo.

L’analisi di ecosistema svolta da Typimedia Editore ha permesso di stendere una classifica delle regioni più attive nella promozionedel tartufo. La graduatoria è guidata dalle Marche, con cinque località. Poi ci sono l’Umbria e la Lombardia con quattro. Ma forse in tanti non sanno che anche la Sardegna e la Siciliapossono vantare una qualità straordinaria di tartufo.


Ecco la classifica:

1. Marche: Acqualagna, Amandola, Apecchio, Pergola, Sant’Angelo in Vado

2. Lombardia: Borgocarbonara, Casteggio, Menconico, Zavattarello

Umbria: Campello sul Clitunno, Città di Castello, Gubbio, Norcia

4. Basilicata: Carbone, Marsicovetere, Muro Lucano

Piemonte: Alba, Asti, Moncalvo

Campania: Bagnoli Irpino, Ceppaloni Colliano

7. EmiliaRomagna: Sant’Agata Feltria, Sasso Marconi

8. Toscana: San Giovanni D’Asso, San Miniato

9. Abruzzo: L’Aquila

Lazio: Campoli Appennino

Liguria: Millesimo

Molise: San Pietro Avellana

Sardegna: Nurallao

Sicilia: Capizzi

La presentazione è stata moderata da Gianluca Carrabs, esperto in economia delle risorse alimentari e dell’ambiente e curatore di MapMagazine Tartufo 2023. Tra i numerosi interventi, quelli di Alfonso Pecoraro Scanio, ex ministro delle Politiche Agricole e Forestali, di Nicola Caputo, assessore all’Agricoltura della Regione Campania e di Rizieri Buonopane, presidente della Provincia di Avellino.

Nell’immaginario collettivo e nella comunicazione massiva – dice Carrabs abbiamo due grandi capitali del tartufo, Alba e Acqualagna. Ma non ci sono solo loro. Oggi a Napoli ci sono venti amministrazioni locali che raccontano il tartufo. È un prodotto stagionale, e ogni stagione ci regala questo grande diamante della tavola, che troviamo in tutto il Paese. L’Associazione Nazionale “Città del Tartufo” – sottolinea Carrabs – si sforza di fare proprio questo lavoro: raccontare la vocazione del territorio. Non è un caso che le qualità di tartufo prendano il loro nome dalle località: è un elemento che qualifica il territorio”.

Commenta il Presidente Associazione Nazionale “Città del Tartufo”, Michele Boscagli: “MapMagazine Tartufo 2023 è una mappa che racconta i 30 eventi più rappresentativi per il mondo del tartufo, ma è un’anteprima di quello che – auspichiamo – sarà un progetto editoriale più importante, e che vede le città del tartufo protagoniste”.

Dello stesso tenore sono le parole di Gerardo Capozza,segretario generale ACI: “Auspico che questo sia solo l’inizio. Non mancano le risorse, ma manca una cultura che permetta di rafforzare la struttura da costruire con tutti i partner, per ragionare sulle opportunità che un’Italia minore può offrire”.

Spiega l’Editore di Typimedia, Luigi Carletti:In Italia ci sono oltre cento Comuni che hanno a che fare con il tartufo. Alcuni sono pienamente consapevoli di forza e opportunità, altri un po’ meno. Il tartufo viene visto come frutto della terra per addetti ai lavori e intenditori. In parte è anche vero, ma è soprattutto un grandissimo driver economico. Se pensiamo che è un prodotto soprattutto delle aree interne, capiamo quanto sia importante in questa fase storica del Paese l’esigenza di valorizzare, e in alcuni casi salvare, queste zone dallo spopolamento. Il tartufo è una grande opportunità.

Ne è nato un progetto multimediale – prosegue Carletti che vede un antipasto nella mappa con i trenta principali eventi, tra i molti che si fanno. E poi sarà pubblicata una guida per oltre centoComuni: sarà un racconto puntuale di ciascuno di questi centri, arricchito da altri contenuti. Il corrispettivo digitale è rappresentato da Italiadeltartufo.it, la piattaforma nata da poco, che offre un calendario degli eventi in naturale evoluzione, oltre a news, approfondimenti, gallery fotografiche e contenuti video”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui