È iniziato ufficialmente giovedì scorso, alla presenza della Presidente Maria Santarsiero, della Vicepresidente Maria Martinelli e del coordinatore Vito Sabia, il Servizio Civile Universale alla Pro Loco di Filiano.

Cinque gli operatori volontari assegnati tramite bando nazionale promosso dall’Unpli, che staranno 12 mesi all’interno dell’Associazione per raggiungere gli obiettivi previsti dai due progetti di Unpli Basilicata: “Valorizziamo il patrimonio storico culturale lucano” e “Alla scoperta di Castelli, Palazzi e Dimore storiche di Basilicata; e cioè rendere più sensibile la coscienza al patrimonio culturale comune rendendo i cittadini consapevoli che esso costituisce il tessuto connettivo della nostra memoria storica e che la sua tutela e promozione e valorizzazione è anche un fattore di crescita per Filiano.

I volontari sono Angelo Zaccagnino che dichiara: «Avrò la possibilità di contribuire in prima persona alla crescita e alla valorizzazione della realtà sociale in cui vivo»; Maria Gruosso afferma: «Potrò implementare il mio bagaglio culturale e affinare la mia crescita personale»; Mariacarmela Santoro rileva che: «È un’esperienza che ci dà l’opportunità di “metterci in gioco”»; Luca Pace sottolinea che: «Il servizio civile è un’importante vetrina per chiunque voglia conoscere più a fondo le origini del proprio territorio»; a cui fa seguito Mary Carmen Caraffa: «Il servizio civile è per me un primo approccio al mondo del lavoro, in un ambiente dinamico e stimolante».

Nel corso dell’anno, a prescindere dalle attività collegate con gli obiettivi progettuali, lo scopo del progetto è anche quello di consolidare nei ragazzi e ragazze la fiducia in se stessi e soprattutto quello di metterli nelle condizioni di capire meglio le proprie propensioni umane e professionali. Lo faranno mettendosi alla prova giorno per giorno attraverso il contatto con la gente e le istituzioni.

Lascia un commento: